Laserterapia Roma. Centro Microchirurgia | MVM

Microchirurgia > Laserterapia

Interventi di Laserterapia, nella massima sicurezza e in tempi brevissimi

Presso il Centro Microchirurgia Villa Massimo è possibile effettuare interventi di Laserterapia, prenotando in tempo reale e senza alcuna lista d’attesa, usufruendo di un’assistenza sanitaria di alto profilo prestato da un’equipe medica specializzata in una location confortevole e con strumentazione diagnostica e biomedicale di ultima generazione.

Il Contact Center del centro è operativo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 20.00 ed accetta prenotazioni in tempo reale, telefonicamente o attraverso l’apposito modulo di prenotazione.

Laserterapia: tutte le info

L’ambulatorio oculistico di Microchirurgia Villa Massimo (MVM) è dotato dei più alti standard di affidabilità e sicurezza.

L’equipe di chirurghi di esperienza internazionale è tra i più accreditati della capitale per gli interventi di chirurgia oculistica e specificamente di Laserterapia.

Laser terapia della Retina

Talora a livello retinico si assiste alla formazione di lesioni che possono predisporre al distacco retinico. Si tratta dei fori, delle rotture(vere e proprie “lacerazioni” dello strato retinico) o di lesioni predisponenti (dette “regmatogene”).

Sarà lo specialista a decidere l’indicazione ad un trattamento laser in considerazione della morfologia, della posizione della lesione e dei rapporti vitreo-retinici.

Si tratta di lesioni che interessano la porzione più “nobile” della retina, chiamata macula. Esistono varie forme di maculopatia, la piu’ frequente delle quali è la Degenerazione Maculare legata all’età, nelle sue varianti “secca” ed “umida”. In genere si accompagna ad una notevole riduzione delle capacità visive (è la principale causa di cecità nella popolazione di età superiore ai 50 anni nei paesi occidentali).

E’ fondamentale una diagnosi ed un trattamento il più precoce possibile. Sarà lo specialista ad indirizzare verso gli esami strumentali più adeguati per una corretta diagnosi, a decidere poi a quali presidi terapeutici ricorrere (trattamento farmacologico, laser o con iniezioni intravitreali) e a valutare infine l’opportunità di effettuare una riabilitazione visiva

Le vasculopatie ischemiche sono indubbiamente più rare delle forme edematose (10-15% dei casi), ma la sintomatologia è imponente e soprattutto non vanno sottovalutate le possibili complicazioni tardive con formazione di neo-vasi, emorragie, glaucoma neovascolare e distacco retinico.

All’allungamento della vita media del paziente diabetico ha fatto riscontro un parallelo incremento dell’incidenza delle complicanze microvascolari. Tra queste una posizione di primo piano spetta alla retinopatia diabetica.Viene classificata in retinopatia non proliferante, pre-proliferante e proliferante e spesso e’ presente un interessamento della porzione più “nobile” della retina, chiamata macula.

E’ fondamentale affidarsi allo specialista fin dalle fasi più precoci della malattia per una corretta diagnosi, stadiazione e trattamento della malattia.

Si riusciranno così a minimizzare le complicanze più temibili di tale patologia (emovitreo, proliferazioni vitreo-retiniche, distacco retinico “trattivo”, rubeosi iridea) conservando una valida acuità visiva.

E’ un disturbo circolatorio che può coinvolgere vasi retinici di calibro diverso. A seconda dell’area interessata dall’occlusione venosa distinguiamo un’occlusione parcellare, di branca, di una emiretina o centrale.

La prognosi dipende sia dall’estensione delle lesioni che dal tipo di capillaropatia (forme edematose, ischemiche o miste).

Lo specialista saprà indirizzare la diagnosi con esami appropriati ( fluorangiografia, OCT) ed impostare la terapia più adatta (farmacologica, laser, con iniezioni intravitreali di farmaci anti-VEGF o cortisonici)

Laser terapia del Glaucoma

E’ indicato nel glaucoma ad angolo aperto. E’ una tecnica laser che, mediante applicazione sequenziale di fotocoagulazioni non-penetranti a livello del trabecolato, mira a normalizzare la tensione endo-oculare permettendo di mantenere per un periodo più o meno lungo la malattia sotto controllo senza necessità di intervenire chirurgicamente.

Il Nd:Yag laser è caratterizzato da una breve durata dell’impulso; più che l’effetto termico (tipico dell’Argon laser) si sfrutta l’effetto “meccanico” in grado di eseguire “tagli” od “incisioni” nelle strutture più anteriori dell’occhio.

Tali tecniche di microchirurgia-laser vengono uitlizzate nel trattamento della cataratta secondaria e in alcune forme di glaucoma.

E’ un sistema laser basato su di un Nd:YAG laser Q-switched a duplicazione di frequenza che impatta in modo selettivo sulle cellule pigmentate del tessuto trabeculare.

L’energia termica non si diffonde ai tessuti adiacenti grazie alla breve durata degli impulsi del laser non producendo nessun effetto fotocoagulativo o cicatriziale.

Può essere utilizzato come prima scelta nei pazienti con glaucoma ad angolo aperto o in aggiunta alla terapia medica se questa si rivela non sufficiente

E’ un foro a tutto spessore creato nella periferia iridea mediante energia laser (quindi senza apertura chirurgica del bulbo) al fine di eliminare o prevenire uno stato di blocco pupillare.

Trova indicazione dopo un attacco o nella profilassi del glaucoma acuto, nel glaucoma cronico ad angolo stretto, nei blocchi pupillari dopo intervento di cataratta.

Laser trattamento delle Opacità Capsulari

Dopo l’intervento di cataratta eseguito con facoemulsificazione, tutto quello che resta del cristallino opaco è la sua capsula esterna, la quale serve a contenere nel modo più opportuno e fisiologico il cristallino artificiale.

Questa capsula è trasparente, ma essendo formata di cellule, può tendere ( in circa il 35 % dei casi) ad andare incontro alla proliferazione cellulare che opacizzando la capsula abbassa nuovamente la vista come per la cataratta (da qui il nome di cataratta secondaria).

In questo caso con una piccola applicazione di laser YAG si può, di solito con una sola seduta, risolvere il problema facendo una piccola finestrella dove passa la luce. Il trattamento è del tutto indolore e molto veloce. Qualche volta dopo questo trattamento è necessario effettuare una verifica degli occhiali.

Laser per la Correzione della Vista o Refrattivi

Le tecniche laser (ad eccimeri) per la correzione dei difetti visivi si dividono in tecniche che prevedono l’asportazione solo dell’epitelio prima dell’applicazione del laser (PRK, PTK, Lasek) e tecniche caratterizzate dalla creazione di un lembo di cornea da sollevare per applicare il laser sull’area sottostante, per poi riposizionarla.Tutte queste tecniche sono caratterizzate dalla riduzione dello spessore corneale centrale ed è sempre necessario far precedere l’intervento da precisi esami strumentali e da una visita accurata.

Nella PRK (photo refractive keratectomy), dopo aver asportato l’epitelio corneale, si procede ad applicare un laser che asporta in modo controllato strati di cornea superficiale fino ad ottenere la compensazione del difetto di vista. Con opportune strategie di ablazione si può far sparire sia la miopia che l’ipermetropia e l’astigmatismo ; alla fine dell’intervento si applica per qualche giorno una lente a contatto speciale per ridurre il fastidio.

Nella Lasek invece si riprova a ridistendere l’epitelio prima spostato.
La PTK , come dice la parola” Terapeutica” non serve a cambiare la refrazione dell’occhio, ma ad eliminare dalla superficie corneale cicatrici o lesioni che limitano la sua trasparenza.

La Lasik invece consiste nell’applicare il laser ad eccimeri non sulla superficie corneale ma, dopo aver creato un lembo di cornea o con un mezzo meccanico o con un laser specifico (a femtosecondi), su un piatto di lavoro nello spessore corneale. Dopo il trattamento il lembo viene riposizionato e questo riduce il fastidio post intervento.

Comunque tutte queste tecniche hanno un elevatissimo livello di sicurezza e di riuscita per lamiopia, l’astigmatismo e l’ipermetropia.
Il trattamento della presbiopia invece è ancora in via di precisazione e va riservato a casi selezionati.

Quando la miopia però è altissima è preferibile introdurre una lente correttiva nell’occhio, davanti all’iride (ICL). Di queste lenti ve ne sono alcune molto sofisticate che non danno alcun fastidio e possono essere anche levate qualora si voglia ripristinare la condizione di partenza.
L’argomento è vastissimo e solo l’Oculista vi può consigliare per il meglio per voi. Il nostro centro dispone di tutti gli strumenti per una diagnosi precisa e nella nostra sala operatoria si possono applicare le ICL.

I nostri Oculisti sono certificati per queste tecniche e possono aiutarvi a giungere alla scelta migliore.
Gli interventi vengono effettuati in anestesia topica (gocce di collirio anestetico), e sono totalmente indolore.

Altre prestazioni di Chirurgia e Microchirurgia Ambulatoriale

La Blefaroplastica è una procedura chirurgica che consente di correggere difetti quali palpebre superiori cadenti, borse di grasso e occhiaie che rendono lo sguardo affaticato, invecchiando la fisionomia del volto ed interferendo,talvolta,con la vista. Si eseguono interventi di chirurgia della palpebra superiore ed inferiore sia con finalità estetica che funzionale e ricostruttiva.

La chirurgia delle vie lacrimali viene in soccorso nei casi di ostruzioni, o stenosi dell’apparato lacrimale che determinano una lacrimazione costante e fastidiosa chiamata epifora. L’intervento tipico prevede la plastica del puntino lacrimale, che consiste nella dilatazione del puntino ostruito del condotto lacrimale e viene eseguito in anestesia locale con il supporto di microscopio operatorio.

Presso il Centro di Microchirurgia Villa Massimo si eseguono interventi chirurgici ambulatoriali alla congiuntiva, indicati per risolvere patologie quali cisti congiuntivali, che possono formarsi nello spessore congiuntivale, o pterigio, che consiste in una alterazione della superficie oculare che può procurare la riduzione della capacità visiva per perdita della trasparenza corneale o per deformazione corneale.

Presso il centro sono disponibili un’ampia serie di interventi di laserterapia che rispondono alle esigenze terapeutiche correlate a rotture retiniche, maculopatie, vasculopatie ischemiche, retinopatie diabetiche, glaucoma, cataratta secondaria, difetti visivi quali miopia, astigmatismo e ipermetropia.

L’intervento di Cataratta è uno degli interventi più praticati presso il centro MVM, una delle specializzazioni chirurgiche del centro. Viene eseguito per risolvere la cataratta, ovvero la condizione di opacizzazione del cristallino naturale che comporta un annebbiamento e una progressiva riduzione della vista. L’intervento di cataratta comporta la rimozione del cristallino, per eliminare l’annebbiamento, e il contestuale inserimento di una lente artificiale. E’ un intervento di routine: si esegue ambulatorialmente, in anestesia locale.

il Centro Microchirurgia Villa Massimo è specializzato nei trattamenti e interventi contro il Glaucoma con Argon Laser terapia del Glaucoma, Yag Trattamenti, Trabeculoplastica laser selettiva, Iridotomia.

Lo strabismo è il disallineamento degli assi visivi dei due occhi, condizione che non permette la percezione singola di un immagine, da cui deriva una visione binoculare assente o grossolana perché i due occhi perdono la capacità di collaborare simultaneamente. La chirurgia dello strabismo mira al recupero della funzione visiva unitamente alla scomparsa o alla riduzione di una deviazione che persiste nonostante trattamenti ottici. Lo studio del paziente deve essere ripetuto ed elaborato nel tempo, così che ogni esame possa arricchire e migliorare la diagnosi, per garantire al paziente il recupero visivo e funzionale della visione binoculare.

Le rotture retiniche sono lesioni della retina che se non curate, possono portare al distacco della retina stessa, ossia di quel sottilissimo strato di tessuto nervoso, estremamente sensibile alla luce, che aderisce alla parete interna dell’occhio e che permette la focalizzazione delle immagini.

Sulla base della morfologia e della posizione della lesione e dei rapporti vitreo-retinici, lo specialista può intervenire con un trattamento di laserterapia per rotture retiniche effettuato con l’argon laser.

Il Centro MVM Microchirurgia Villa Massimo, centro di eccellenza per la salute degli occhi, è un punto di riferimento anche per gli interventi di laserterapia per rotture retiniche.

Le alterazioni della cornea che ne determinano la parziale opacità, possono interessare la cornea più o meno estesamente, interessando in tutto il suo spessore o solo nella parte anteriore, centrale o posteriore.

L’intervento si esegue al microscopio operatorio e prevede l’asportazione della cornea malata e la sua sostituzione con una cornea adatta, sana, proveniente da donatore e testata da laboratori specializzati.

A seconda della sede ed estensione dell’opacità si può procedere alla sostituzione dei soli strati in condizione patologica, utilizzando vari tipi di procedure chirurgiche conservative che , risparmiano le parti sane della cornea, quale ad esempio la metodica DALK (Deep anterior lamellar keratoplasty), importata dagli USA.

Presso il centro Microchirurgia Villa Massimo è operativa un’unità di chirurgia ortopedica e traumatologica, accreditata nel trattamento dei traumi del sistema muscolo-scheletrico con tecniche di chirurgia mini-invasiva.

Vengono eseguiti interventi con le più recenti tecniche e i più aggiornati dispositivi e strumenti tecnologici e biomedicali che consentono di trattare la maggior parte delle fratture con tecnica chirurgica accurata e poco invasiva.

Visionate i video relativi ai principali interventi di chirurgia oculistica: intervento di chirurgia refrattiva PRK ed intervento chirurgico di cataratta.

Prenota un intervento di Laserterapia ambulatoriale

Contatta con fiducia il Centro Microchirurgia Villa Massimo per prenotare un intervento chirurgico ambulatoriale o per richiedere maggiori informazioni. La segreteria del Centro Microchirurgia Villa Massimo di Roma è disponibile sia telefonicamente che attraverso email.

Operazione Laser Miopia Roma | Chirurgia refrattiva